Mixomatosi

 

La mixomatosi è una malattia virale molto contagiosa per il coniglio. Può essere trasmessa per via diretta dagli animali ammalati o portatori a quelli sani o per via indiretta tramite artropodi (zanzare, pulci, pidocchi, zecche, ecc.) che fungono da vettori passivi. Dopo un singolo pasto di sangue una zanzara può restare infettante fino a 220 giorni. L’andamento della malattia può essere acuto, subacuto o cronico; alcuni conigli restano portatori asintomatici. L’incubazione è di 5-15 giorni. I sintomi comprendono: abbattimento, febbre, congiuntivite, scolo oculare, tumefazioni cutanee sulla testa e gli arti, infiammazione degli organi genitali. Le lesioni cutanee sono rappresentate da placche eritematose di dimensioni variabili da pochi millimetri ad alcuni centimetri. La morte sopravviene in 8-30 giorni per complicazioni dovute ad infezioni batteriche secondarie. Esiste anche una forma caratterizzata da congiuntivite e sintomi respiratori, senza lesioni cutanee, ma con edema dei genitali. La mortalità è elevata e secondo il ceppo può andare dal 50 al 100%. I conigli che sopravvivono possono eliminare il virus per lungo tempo, fungendo da serbatoio della malattia. Non esiste alcuna terapia efficace. La malattia può essere prevenuta con la vaccinazione, che dà una buona protezione ed è sempre consigliabile negli animali da compagnia.

e-max.it: your social media marketing partner